Se l’intestino è sporco la colonscopia si deve ripetere: come evitarlo

72
Colonscopia Head

La colonscopia è una procedura ampiamente diffusa a cui si è sottoposto almeno il 25% degli individui con più di 50 anni. La tecnica endoscopica consente la visualizzazione diretta del colon e dell’ultima ansa ileale, nonché eventuali procedure operative. È un esame abitualmente prescritto successivamente ad altre indagini diagnostiche meglio tollerate dal paziente.

Una corretta preparazione intestinale è necessaria per il buon esito dell’esame. Un’inadeguata pulizia intestinale può render l’esame inconcludente e costringere il paziente a rinviare la procedura. Diviene necessario, quindi, adottare indicazioni condivise che consentano di raggiungere una buona toilette intestinale onde evitare il disagio che comporterebbe ripetere l’esame.

Le linee guida elaborate dall’European Society of Gastrointestinal Endoscopy (ESGE) forniscono indicazioni precise

Adottare una dieta priva di scorie nei giorni che precedono l’esame è una delle più diffuse indicazioni fornite ai pazienti. Sebbene l’ESGE confermi che essa possa esser utile ad ottenere una buona preparazione intestinale, non è invece condiviso adottare una dieta povera di fibre oltre le 24 ore che precedono la colonscopia.

La scelta del lassativo condiziona la buona toilette intestinale. Nelle linee guida il Polietilenglicole o PEG è il lassativo maggiormente raccomandato. Confrontandolo con il sodio-fosfato (NaP) ed il magnesio citrato, la pulizia intestinale è risultata migliore nel primo caso e di pari efficacia nel secondo.

Il PEG è l’unico lassativo indicato nei pazienti nefropatici

Il PEG è da preferire al NaP perché è più sicuro. La tossicità renale del NaP e la sua capacità di alterare gravemente l’equilibrio elettrolitico esclude l’uso nei pazienti nefropatici. L’ESGE non raccomanda l’utilizzo routinario del NaP per la preparazione intestinale e lo confina a casi selezionati. Nei pazienti nefropatici il PEG è l’unico lassativo che può essere impiegato con sicurezza.

L’ESGE raccomanda di adottare un regime frazionato (split) con una soluzione di 4L contenente PEG o un regime “same-day” se la colonscopia è programmata per il pomeriggio. In alternativa, è possibile assumere una soluzione di 2L di PEG (split o “same-day”). 

Il frazionamento della dose (regime split) restituisce una preparazione intestinale più adeguata ed è meglio tollerata dal paziente. Se la colonscopia è programmata nel pomeriggio, invece, è indicato assumere la prima dose al mattino. Ciò consente di evitare la distensione addominale nel corso della notte ed i relativi disturbi del sonno.

Il periodo di tempo che intercorre fra l’assunzione dell’ultima dose e l’esecuzione dell’esame influisce sulla toilette intestinale. La colonscopia dovrebbe essere effettuata entro 4 ore dall’assunzione dell’ultima dose. Ogni ora in più, infatti, si riduce del 10% circa la possibilità di riscontrare un’ottima pulizia di tutto il tratto intestinale esplorato.

Il PEG è un lassativo sicuro ed indicato nelle situazioni più particolari, come in caso di malattia infiammatoria cronica intestinale o in caso di sanguinamento gastrointestinale basso. In ultimo, anche nelle donne in gravidanza ove la colonscopia deve essere effettuata con cautela, il PEG può essere utilizzato per ottenere un efficace pulizia intestinale.

In aggiunta, bolle e schiuma si riscontrano frequentemente durante la colonscopia (32-57% dei pazienti). Questo può ostacolare una adeguata visualizzazione della mucosa. Il simeticone è un preparato che riduce la tensione superficiale delle bolle d’aria. Non è assorbibile ed è considerate sicuro. In una metanalisi di sette RCT che confrontavano la preparazione intestinale (PEG o NaP) con o senza simeticone, la quantità di bolle è risultata maggiore nei pazienti che non avevano assunto il simeticone.

Conclusioni

La preparazione intestinale è fondamentale per il buon esito della colonscopia. L’inadeguata pulizia costringe il paziente a ripetere l’esame. Il PEG è una sostanza sicura ed ampiamente indicata nelle linee guida elaborate dall’ESGE. Anche in caso di pazienti nefropatici, sanguinamento gastrointestinale basso, malattie infiammatorie croniche e gravidanza, il PEG è l’unica sostanza  raccomandata per ottenere una buona toilette intestinale.

Inoltre per una migliore visualizzazione della mucosa, l’ESGE suggerisce di aggiungere il simeticone alla preparazione intestinale standard.

Letteratura scientifica di riferimento

  • La preparazione intestinale alla colonscopia: le linee guida ESGE.