La Vitamina D: un verosimile ruolo nella Fibrosi Polmonare

209

La fibrosi polmonare è una temibile patologia a carico dei polmoni che ne comporta la progressiva perdita di funzionalità. L’unità alveolo-capillare, elemento del polmone deputato agli scambi gassosi, viene progressivamente distrutta e la fibrosi ne modifica irreversibilmente l’architettura.

Le cause non sono sempre identificabili e la malattia può essere classificata come idiopatica, senza un’eziologia conosciuta, o conseguire ad altre patologie. In entrambi i casi l’outcome è negativo e molti malati vanno incontro ad insufficienza respiratoria progressiva. Infatti, se inizialmente i sintomi contemplano difficoltà respiratoria, tosse secca e affaticamento, negli stadi più avanzati la fame d’aria può costringere all’ossigenoterapia.

I pazienti con fibrosi polmonare hanno livelli di Vitamina D inferiori alla popolazione sana

Alcune evidenze hanno mostrato che nei pazienti con fibrosi polmonare si misurano livelli sierici di Vitamina D inferiori alla popolazione sana. Inoltre, nei modelli murini, si è osservato che l’inattivazione del recettore per la Vitamina D comporta un danno polmonare più grave.

Le informazioni ricavate dalla letteratura hanno suggerito il plausibile ruolo della Vitamina D nella fibrosi polmonare. Sebbene essa sia prevalentemente conosciuta per la funzione chiave nel metabolismo di calcio e fosforo, la Vitamina D ha un ruolo pleiotropico. Infatti, oltre a partecipare al delicato equilibrio di rimodellamento osseo, svolge un ruolo ormonale chiave.

Uno studio per spiegare il ruolo della Vitamina D

Un gruppo di ricercatori ha indagato il ruolo della Vitamina D nella fibrosi polmonare. Per farlo si sono utilizzate sia linee cellulari di fibroblasti umani che un modello murino. La fibrosi polmonare è stata indotta con bleomicina, agente antiblastico tra cui effetti collaterali si annovera il danno polmonare.

Nel braccio dell’esperimento in vitro i ricercatori hanno utilizzato una linea cellulare di fibroblasti umani ed una immortalizzata. Le cellule sono state trattate con bleomicina, colecalciferolo e calcitriolo e poi incubate per 48h. In un secondo esperimento la bleomicina è stata aggiunta successivamente ad un pretrattamento con colecalciferolo e calcitriolo.

Nel braccio dell’esperimento con il modello murino, invece, le cavie sono state suddivise in tre gruppi. Il primo è stato trattato con bleomicina e alti livelli di vitamina D, il secondo con bleomicina ed una dieta basale ed il terzo gruppo invece non è stato trattato. Le cavie sono state quindi rivalutate dopo quattro giorni.

I risultati

I risultati sono stati incoraggianti. In vitro le cellule trattate con Vitamina D hanno mostrato una significativa riduzione di interleuchina-1-beta, marker di infiammazione. Nel modello murino, invece, le cavie trattate con alte dosi di Vitamina D hanno risposto con un inspessimento della parete alveolare minore del 12% rispetto a quelle trattate con bassi dosaggi. Inoltre, si è registrato un decremento dei marker di crescita e proliferazione cellulare.

I ricercatori hanno evidenziato anche un effetto della Vitamina D sull’espressione genica. Infatti, il TGF-beta è solitamente aumentato in risposta allo stimolo con bleomicina, ma con l’assunzione di alte dosi di Vitamina D l’incremento è stato sensibilmente inferiore.

La Vitamina D potrebbe rivelarsi utile nella prevenzione della fibrosi polmonare

Lo studio suggerisce che il calcidiolo potrebbe essere utile nella prevenzione della fibrosi polmonare. I dati in vitro, infatti, lasciano aperta l’ipotesi che i fibroblasti umani posseggano non solo i recettori, ma anche gli enzimi per convertire il calcidiolo in calcitriolo – la forma attiva della vitamina D. Nonostante ulteriori studi siano necessari per descrivere un meccanismo certo di azione della Vitamina D nella fibrosi polmonare, i risultati dello studio aprono le porte ad un nuovo filone di ricerca che diviene indispensabile ancor più per l’assenza di farmaci deputati al trattamento di questa patologia.

Letteratura di riferimento

  • Pulmonary activation of vitamin D3 and preventive effect against interstitial pneumonia. Ichiro Tsujino, Ryoko Ushikoshi Nakayama, Tomoe Yamazaki, Naoyuki Matsumoto and Ichiro Saito. J. Clin. Biochem. Nutr. November 2019
Articolo precedenteOsteoporosi: una malattia silenziosa e debilitante che dobbiamo prevenire
Articolo successivoLenire la febbre e ridurre il dolore nel bambino è possibile con i presidi giusti